Horror | 5 libri che non vorresti mai leggere… o forse sì?

Per tutte noi appassionate di horror movies e libri grotteschi, nate con il gene del brivido, c’è un’unica certezza che ci separa da quelli che non reggono neanche un flebile “Bu!”, ovvero: è tutto finto.

libri horror

Qualche domanda però ce la poniamo anche noi, come tutti.
Cosa spinge quella ragazza ad andare a controllare in cantina senza prima accendere tutte le luci, anche quelle dei vicini?

Perché il tizio che arriva nel castello di Dracula non fugge 30 secondi dopo avendo già chiaro che non si tratta proprio di una casa vacanze?

È forse la stessa profonda motivazione che spinge noi in preda alla tachicardia a rimanere incollate allo schermo o alle pagine mentre tutto va male?
Tremendamente ed inesorabilmente male, verso il condizionamento di ogni aspetto apparentemente innocuo della nostra vita.
Come tirare uno sciacquone dopo aver letto IT, incrociare lo sguardo di un placido gabbiano dopo aver visto “gli uccelli” di Hitchcock o sapere che l’uomo che abbiamo davanti vive da solo con la mamma, come in PSYCO.

Perché intendiamoci, chi avrebbe paura di un cimitero senza aver sentito prima una storia di fantasmi?

Cosa ci spinge ad andare oltre l'umana tolleranza?

Ci sono molte leggende legate a questo primordiale istinto e tutte includono moniti e maledizioni che vengono impavidamente o -a seconda dei punti di vista- stupidamente ignorati. È ad esempio il caso dei libri maledetti, che hanno mietuto vittime per millenni incontrando sempre lo smisurato interesse di malcapitati seriali, che per carpirne i segreti diedero in cambio la vita, o peggio ancora la loro anima.
Se ancora non li conoscete, ecco a voi i più famigerati.

5 libri horror da (non) leggere!

5° posto: Il NECRONOMICON

Un mistero che ancora oggi fa discutere i più appassionati: il celeberrimo libro rilegato in pelle umana che racchiudeva lo straordinario potere di resuscitare i morti.
Nominato per la prima volta da H.P.Lovecraft nei sui racconti horror e citato poi da altri scrittori dell’epoca, ha terrorizzato i lettori per oltre 50 anni. Finché Lovecraft stesso, forse stanco per le troppe domande al riguardo, non fu costretto ad ammettere che si trattasse di un espediente letterario, un’invenzione che niente aveva a che fare con fatti realmente accaduti.

Nel 1941 però un antiquario di New York ne mise in catalogo una copia fissando il prezzo a 900 dollari, riaprendo così un dibattito che culminò con le accuse a Lovecraft di coprire l’appartenenza del padre alla massoneria egiziana.
Quale sarà la verità?

4°posto THE ORPHAN'S STORY

Pubblicato per la prima volta 400 anni dopo la sua stesura, è un romanzo perduto con maledizione annessa, scritto tra il 1608 e il 1615 da Martín de León y Cárdenas, un frate agostiniano spagnolo nato vicino a Malaga nel 1584 e che, come l’omonimo protagonista, aveva viaggiato fino a Lima.

La storia parla di un quattordicenne che lascia Granada incontrando lo splendore, l’avventura e la violenza dell’impero spagnolo e dopo numerose peripezie riesce finalmente ad abbracciare la calma della vita monastica in Perù.

Ma il romanzo non arrivò mai alle macchine di stampa e nei secoli successivi tutti coloro che tentarono la pubblicazione morirono in circostanze misteriose.
Fu messo in guardia anche colui che riscoprì il manoscritto negli archivi della Hispanic Society of America negli anni ’60 e che, affascinato da questa “finestra temporale sull’impero spagnolo e l’epoca della conquista”, non seppe resistere al desiderio di decifrare la calligrafia del Monaco e tutti i segreti racchiusi nel suo romanzo, riuscendo finalmente nell’impresa senza lasciarci la pelle. Ancora oggi si crede che nelle sue 328 pagine aleggi qualcosa di malevolo, ma fortunatamente il manoscritto è custodito nella fondazione José Antonio de Castro, anche se Palacias (il traduttore) dice che con la sua pubblicazione finalmente la maledizione sia stata sciolta, o almeno se lo augura!

3° posto TOMINO'S HELL

Non si tratta di un libro ma di un antico poema giapponese, che se letto ad alta voce si dice evochi una potente maledizione.
Secondo la leggenda Tomino era una bambina disabile che dopo aver scritto questa poesia raccapricciante venne punita dai suoi genitori chiudendola in cantina, dove venne lasciata morire di fame.
Così il suo spirito è rimasto impresso nelle parole della sua poesia rendendola maledetta.
Le prime vittime sono stati prevedibilmente gli stessi genitori della bimba, seguono poi una serie di misteriosi decessi legati al poema.
Nel dubbio, meglio leggerlo mentalmente.

2° posto il CODEX GIGAS

Questo enorme manoscritto medievale risale al 1200 ed incute timore solo a guardarlo.
Lungo 92cm, largo 50 e pesante ben 75kg, è rilegato in legno e pelle e contiene passi della Bibbia, incantesimi per evocare gli spiriti, anatemi, racconti ed altri segreti che ancora attendono di essere decifrati.
Leggenda narra che l’autore fosse un monaco condannato ad essere murato vivo per espiare colpe indicibili.
Unica possibilità di salvezza: trascrivere tutto il sapere umano in una sola notte.
Dopo essersi reso conto che non sarebbe mai riuscito nell’impresa, chiese aiuto, che lo accontentò in cambio della sua anima. Secondo gli studiosi sarebbero stati necessari circa 20 anni per realizzare tutto il testo, analizzandolo hanno attestato però che a scriverlo sarebbe stata una sola persona in breve tempo, visto che la scrittura è uniforme dall’inizio alla fine.

Molti sono stati testimoni di eventi paranormali che si sono verificati in presenza del libro e cosa ben più terrificante, secondo gli esperti nel corso dei secoli il Codex Gigas avrebbe provocato sventura e sciagure a chi lo custodiva, portandosi dietro una scia di delitti e morti accidentali. Oggi il testo si trova presso la Biblioteca Nazionale di Stoccolma, dove è possibile consultarlo in versione digitale.

1° posto LE GRAND GRIMOIRE

Il libro di magia nera più potente e maledetto di tutti i tempi, si crede sia stato scritto da un uomo posseduto dal Diavolo in persona nel XVI secolo. Racchiude istruzioni dettagliate su come invocare i demoni più potenti e indicazioni per firmare contratti soddisfacenti in cambio della propria anima, con tanto di clausole per non rimanere fregati da eventuali inadempimenti.

Si dice che chiunque lo legga in ogni caso offra tacitamente la sua anima a Satana, così per motivi di sicurezza è custodito in Vaticano tra i libri proibiti.
Che ci sia un fondo di verità in questa terrificante Leggenda?

E voi, ritrovandovi uno di questi misteriosi libri fra le mani, riuscireste a resistere alla curiosità di sfogliarli?

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *